Giocattoli sicuri e adatti all’età: come sceglierli.

Giocattoli sicuri e adatti all’età: come sceglierli.

Mancano pochi giorni a Natale e la ricerca del regalo perfetto da mettere sotto l’albero è “l’ossessione” di ogni famiglia. Ecco qualche utile consiglio

Il gioco è uno dei momenti più importanti nella vita del bambino. Attraverso di esso, i piccoli scoprono il mondo ed entrano in contatto con se stessi e gli altri, prendendo coscienza del proprio corpo. In questo senso i giocattoli sono necessari affinché il bambino possa sviluppare in maniera autonoma le sue abilità motorie, sensoriali, cognitive e sociali. Ogni età ha i suoi giochi: un gioco pensato per un bimbo di 6 anni non dovrebbe essere dato a bimbi più piccoli, poiché potrebbero non capirne il funzionamento o farsi del male durante l’utilizzo.

Sebbene non esistano delle vere e proprie regole secondo le quali i giocattoli risultino più o meno adatti per ogni età, i genitori hanno a disposizione una serie di strumenti per fare acquisti in completa sicurezza. Secondo la legge, il “giocattolo” è un prodotto destinato ad essere utilizzato a fini di gioco da minori di 14 anni, compresi gli eventuali apparecchi di installazione e altri accessori. Non tutti i prodotti venduti per un utilizzo da parte dei bambini, però, sono però definiti “giocattoli”: come per esempio i tablet, alcune apparecchiature elettroniche, strumenti musicali, i Pc e la maggior parte delle attrezzature sportive. Per questi prodotti occorre fare attenzione particolare al momento dell’acquisto e capire se essi possono essere utilizzati da parte dei bambini.

La prima cosa da fare per scegliere in sicurezza un giocattolo, è cercare sulla confezione l’indicazione dell’età consigliata. Se si decide di comprare un giocattolo non adatto all’età del proprio figlio, ma che pare adatto per alcune caratteristiche, occorre essere informati sui rischi che l’utilizzo dello stesso può comportare.

Le fasce d’età all’interno delle quali vengono suddivisi i giocattoli, in base alle leggi vigenti, sono: dai 0 ai 3 anni; dai 4 ai 6; dai 7 ai 12 e dai 12 anni e oltre. Ogni giocattolo aiuta a sviluppare specifiche capacità: la pasta da modellare sviluppa la manualità; i libri favoriscono la comprensione delle immagini e delle parole, i puzzle la memoria e il ragionamento e così via. Ogni singolo scaglione d’età è suddiviso, al suo interno, in ulteriori unità. In questo modo è facile capire come un gioco adatto a un bimbo di pochi mesi non possa andar bene per un altro di 3.

Quando si acquista un gioco è bene leggere con attenzione le informazioni riportate sulla confezione e verificare la presenza di marchi di certificazione che attestano la sicurezza del prodotto. In Italia i marchi riscontrabili sono tre ed è bene che il giocattolo ne attesti almeno uno affinché possa essere considerato a norma. Essi sono: CE (obbligatorio), che certifica che il gioco è stato prodotto con materiali sicuri e in linea con le norme europee; Giocattoli Sicuri, che viene rilasciato solo ai giochi che hanno superato vari test di laboratorio per verificarne sicurezza e resistenza; Sicurezza Controllata, che certifica che il prodotto può essere utilizzato per la cura dei bambini come biberon, piatti e bicchieri in plastica.

Fare acquisti in negozi specializzati è una ulteriore garanzia utile per evitare di acquistare prodotti potenzialmente non a norma o contraffatti.

Erika Nicchiosini

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Tu cosa ne pensi?